Paracelso: le 7 regole di vita del famoso alchimista svizzero

Le 7 regole di vita di Paracelso rappresentano un aiuto per tutti coloro che cercano un miglioramento psicofisico.

“Coloro che si limitano a studiare e a trattare gli effetti della malattia sono come persone che si immaginano di poter mandar via l’inverno spazzando la neve sulla soglia della loro porta. Non è la neve che causa l’inverno, ma l’inverno che causa la neve.”

In questa citazione è raccolto tutto il pensiero di Paracelso, il famoso medico e chimico svizzero nato appena un anno dopo la scoperta dell’America, nel 1493.

Epoca di grandi fermenti, senza dubbio, e tale fu la vita di Teofrasto Bombasto von Hohenheim, detto appunto Paracelso.

Si laureò a Ferrara, esercitò come medico militare a Venezia e partecipò ad altre spedizioni nel nord Europa.

Personalità vivace e complessa, dedicò gran parte delle sue inesauribili energie alla iatrochimica, ovvero quel filone che cura la malattia attraverso l’utilizzo delle sostanze minerali.

Paracelso

Cosa sosteneva il buon Paracelso in contrasto, già a quel tempo, con l’impostazione della medicina ufficiale?

Che ogni malattia è prodotta da uno squilibrio tra la parte interiore dell’individuo e l’insieme degli elementi che contraddistinguono il corpo, e proprio facendo leva su di essi è possibile pervenire ad una guarigione stabile e duratura.

Il corpo non nasce malato, ed ha la capacità di auto-rigenerarsi.

Ciò che lo debilita, secondo i trattati di Paracelso, sono:

infezioni, condizioni climatiche, anche condizioni genetiche ma anche influssi spirituali.

Precursore di considerazioni particolari sulla donna, sosteneva che la sua capacità immaginativa aveva la capacità di modellare anche il carattere del feto che portava in grembo.

Rimase celibe per dedicarsi interamente alla sua attività medica e alla sua continua ricerca che univa elementi di medicina classica, religione e scienze naturali.

Non ebbe una morte serena, e secondo le ricostruzioni fatte con l’esame della scatola cranica pare fosse stato aggredito da sicari al soldo di chi Paracelso accusava di scarsa capacità di approfondimento della medicina e della cura del corpo.

Vediamo allora queste idee di fondo che, anche dopo la sua morte, vari ordini e gruppi continuarono a mettere in pratica.

1- Bandire le idee negative come tristezza, odio, vendetta, rancore.

Quello che questi pensieri producono, a lungo andare, causano alterazioni neurologiche e fisiche, favorendo l’insorgere di malattie psichiche e fisiche di conseguenza.

2- Dimenticare le offese e fare tutto il bene possibile.

Preservare la propria anima dalla negatività che pervade il mondo, e sforzarsi di aiutare chi ha bisogno.

L’uomo viene a contatto con la sofferenza, e il suo compito è anche quello di collaborare affinchè sia debellata.

3- Praticare la meditazione.

Che deve essere fatta lontano dal rumore delle città e deve riuscire a collegare ogni persona con la propria parte spirituale.

In questo modo le migliori energie vengono sollecitate e si può mantenere sano ed allenato il proprio corpo.

4- Non perdersi in pettegolezzi con nessuno.

Bisogna essere rispettosi del prossimo e della propria intimità. Non avere paura e non lasciasi mai prendere dallo sconforto.

Altra condizione determinante per riuscire ad affrontare anche le situazioni peggiori che possono capitare durante la vita.

5- Migliorare il proprio benessere fisico e mentale

Condurre uno stile di vita sana, una corretta alimentazione, fare del movimento fisico, evitare tutto ciò che danneggia il corpo: alcool, tabacco, medicinali laddove non necessari.

6- Non raccontare tutto a tutti

Non tutto deve essere raccontato e messo a disposizione della curiosità altrui. Spesso quando sveliamo troppo di noi, forniamo a chi ci ascolta, le armi per ferirci o usarci. La confidenza va usata con cautela.

7- Non temere il domani

Chi usa il proprio cuore e vive con dignità, non ha nulla da temere. È più pericoloso il nemico che abbiamo dentro di noi e che limita la nostra crescita e il nostro miglioramento.

Abbandonare sfiducia in se stessi e paura, significa vivere in modo positivo la propria vita.

Univa il nostro Paracelso, una forte personalità con lezioni ed approfondimenti di natura etica e religiosa maturati nel corso della sua vita e dei suoi frequenti viaggi.

Un personaggio singolare, senza dubbio, e molto attuale!

Condividi questo articolo