Non unirti con i poveri di spirito, con chi è troppo diverso da te…

Non unirti con i poveri di spirito, con chi è troppo diverso da te...

Non unirti con chi non conosce limite, con i poveri di spirito, con chi non distingue tra umorismo e offesa, con chi non ascolta mai.

Non unirti con chi non vuole mettersi nei panni degli altri, con chi ti rema contro e non possiede la capacità di amare.

Inoltre, una persona che conosce equilibrio e dignità, non si preoccupa dei giudizi altrui, non ha un estremo bisogno di essere accettata.

Basta a se stessa, preferisce la pace alla ragione. Ecco, questa è la maturità. Questo dovrebbe essere l’obiettivo comune.

E per raggiungerlo non hai bisogno di unirti con chi non è in sintonia con le tue verità. Con, appunto, i poveri di spirito.
Le tue visioni del mondo.
Non unirti.

Non unirti con chi ti sorride amichevolmente, ma ti deride alla spalle. Con chi umilia fingendo di scherzare, con chi ironizza sulle questioni serie, sottovalutando i problemi altrui. Con tutti i poveri di spirito.

Non unirti con chi non ascolta, ma si sente in dovere di offrire consigli. Con chi crede, infatti, di conoscere la tua vita meglio di te.

Non unirti con persone il cui unico obiettivo delle loro conversazioni è convincere di essere il migliore di tutti, con chi, appunto, sminuisce gli altri per sentirsi più importante.

Non unirti con chi è freddo, insensibile, con chi è indifferente al dolore altrui. Con chi non piange mai. I poveri di spirito.

Con chi accusa chiunque per le proprie manchevolezze, con chi incolpa gli altri per le proprie miserie, con chi non ammetterà mai i suoi errori.

Non unirti con chi non ti sostiene, con chi non ti fa sorridere, con chi sottovaluta tutto ciò che sei. Lascia stare chi aspetta solo una tua caduta per trionfare, una tua esitazione per condizionarti. Non unirti con chi non ha la capacità di amare, di donarsi, di condividere.

Con persone che, infatti, vogliono solo ricevere, vincere, essere il centro dell’universo.

Con le persone che non vanno oltre il loro ombelico e dunque non si avvicinano, non offrono aiuto, non si preoccupano di ciò che non è dentro di loro.

Non hai bisogno di attori mascherati nella tua vita, degli ipocriti, di chi non vibra in sintonia con la tua anima.

Non unirti con chi vuole soffocare la tua essenza, avvelenare la tua umanità, sgualcire la sensibilità bella che vive in te.

Resta ciò che sei. E, a proposito di questo. Impara a non vendicarti, sarà la vita a farlo al posto tuo.

Condividi questo articolo